Prs, svelato il piano strategico su tutte le testate tra carta e digital

23 gennaio 2014

Prs Mediagroup ha annunciato ieri la nomina di Roberto Alessi a condirettore delle testate Visto e Novella 2000. “Con la sua esperienza siamo certi che potremo conseguire gli obiettivi di crescita che abbiamo già individuato e potremo sviluppare il progetto editoriale che prevede, tra l’altro, la creazione di vere e proprie piattaforme multimediali”, ha commentato Federico Silvestri (nella foto), ad e dg di Prs Mediagroup, che raggiunto da Today Pubblicità Italia ha raccontato le future strategie sulle testate acquisite lo scorso anno da Rcs e Piscopo Editore. La prima novità è comunque che  tutte le redazioni (alcune stanno operando ancora in via Rizzoli) entro l’1 febbraio traslocheranno nella nuova sede di viale Richard (500 metri quadrati di open space), dove già è di stanza AGR.

Ventata di novità anche per quanto riguarda le singole testate. Per quanto riguarda il target gossip, il destino delle 4 testate Novella 2000, Visto, Eva e Vip è stato tracciato con la formazione di una task force formata dal direttore responsabile delle testate Giorgio Bernardini De Pace, dal coordinatore editoriale Franco Bonera, dallo stesso Silvestri e dalla new entry Alessi. “Novella 2000 deve mantenere il presidio di ‘regina del gossip’ diventando un prodotto ancora migliore – ha commentato Silvestri  -. Il percorso stabilito per Visto è quello di un posizionamento nel segmento dei familiari. Vip è stato ‘ridisegnato’ per raccontare al pubblico il mondo dei personaggi e delle loro attività sui social network e si indirizza anche a una fetta di lettori con meno confidenza sui new media che però mostra interesse. Su Eva la grande novità è che sarà rispolverato e ricavalcato il marchio ‘Express’ per confezionare un prodotto più aperto a un tipo di gossip estremamente ‘femminilizzato’, vale a dire che racconterà i personaggi dal punto di vista delle tendenze che questi seguono o creano”. Sarà poco editoriale, ma più grafico l’intervento su Ok La salute prima di tutto “che ha già un posizionamento riconosciuto dal mercato e dai lettori – ha proseguito Silvestri -, mentre Astra, dal numero di febbraio, ha ripreso un respiro più patinato che contiene tutto quello che ruota attorno all’astrologia”. Per quanto riguarda il polo dell’enigmistica, composto da 12 testate, Silvestri ha dichiarato che la società “sta valutando altri lanci entro l’anno”.

Al di là degli interventi sui singoli magazine, Prs Editore punta a sviluppare il progetto editoriale attraverso una versione digitale. “Significa non solo sito web, ma anche app, mondo device, content providing, nella convinzione che questi prodotti debbano avere due vite: in edicola e sul digitale – ha proseguito l’ad e dg di Prs Mediagroup -. Per fare questo stiamo investendo sia in risorse umane che in tecnologia. Allo stesso modo sfrutteremo le affinità con il mondo radiofonico per sbarcare in radio con alcune rubriche: stiamo valutando diversi progetti su più piattaforme media”. Tutto questo potrebbe sembrare un punto di arrivo, al contrario è un punto di partenza. “Guardiamo al mercato e siamo pronti a cogliere nuove opportunità, così come abbiamo fatto in passato, quindi siamo interessati sia ad acquisire nuovi prodotti sia a lanciarne di nuovi – ha spiegato il manager -. Il progetto più imminente è lo sviluppo di una nuova testata verticale che sarà in edicola nei prossimi mesi”. Nonostante il mercato in crisi, l’obiettivo dell’editore è quello di consolidare le vendite e, se possibile “di incrementarle, perché ci sono segnali interessanti e si può crescere ancora e allargare la quota di mercato, dato il loro valore”, ha concluso.

Valeria Zonca