Microsoft avvia revisione globale per la comunicazione

15 gennaio 2014

In seguito alla ristrutturazione avviata da Steve Ballmer

Secondo la stampa estera Microsoft avrebbe avviato una revisione globale del suo roster di agenzie per rivedere la strategia di comunicazione. Il colosso di Redmond, che ha accordi con varie agenzie per la creatività, il media e il digital, e che ha investito1,3 miliardi dollari in pubblicità e promozioni solo negli Stati Uniti, in una nota ha dichiarato: “Valutiamo regolarmente il nostro mix di agenzia come best practice di business per garantire i servizi che meglio si adattano alle esigenze del nostro business in continua evoluzione”.

La revisione arriva dopo una profonda riorganizzazione durante questa estate apportata dal dimissionario Steve Ballmer (nella foto), ceo di Microsoft che ha ridisegnato la struttura aziendale all’insegna della collaborazione fra settori e di una maggiore snellezza: “One strategy, one Microsoft store promo codes. Innoveremo con più velocità e efficienza”. Quattro aree di engineering: sistemi operativi, app, cloud e devices per rispondere con efficacia ad un mondo orientato sempre più verso i servizi Internet, smartphone e tablet.

Crispin Porter & Bogusky, Wpp e UM in allerta

Nel quadro della ristrutturazione dove Tami Reller resta a capo del Marketing Group e Mark Penn al timone delle funzioni centralizzate di advertising e media, Microsoft sta rivoluzionando anche l’intera strategia di comunicazione con l’obiettivo di passare da azienda produttrice di solo software a produttrice di hardware e di servizi. Secondo la stampa estera, il colosso avrebbe avviato una revisione a livello globale per rivedere la strategia di comunicazione, con l’obiettivo di formare un nuova squadra. Attualmente i partner di Microsoft sono: UM di Interpublic Group per il media globale. Starcom MediaVest Group è l’altro grande pezzo del business per il media media planning e buying che dal 2011 gestisce il mercato Usa; per la creatività a livello internazionale Crispin Porter & Bogusky affianca Microsoft dal 2008. I probabili giocatori del riesame sono anche Wpp e Publicis Groupe, che già supportano il grosso del business di Microsoft. Infatti per la comunicazione nei mercati Emea è Wunderman di Wpp a gestire la comunicazione dell’azienda. L’agenzia supporta diverse attività di marketing compresi direct marketing e analisi dei dati per i marchi come Microsoft  Xbox, Bing e Windows. Y&R ha recentemente vinto il business creativo e digitale, e anche VML supporta Microsoft da anni, così come pure JWT, che ha una storia di lunga data con la società. A Razorfish sempre di Publicis Groupe sono affidate le attività digitali globali, mentre nel Regno Unito, Microsoft è partner di Beattie McGuinness Bungay. Omnicom rischia di stare alla larga dalla revisione a causa dei suoi stretti legami con Apple, anche se ben presto Omnicom e Publicis faranno parte della stessa famiglia, una volta avuto l’ok dalla Cina.