Sono Marco Girelli ed Emanuele Nenna i nuovi vicepresidenti di AssoCom

9 gennaio 2014

Layla Pavone nominata presidente del Centro Studi. Eugenio Bona a capo di Assap Servizi

Saranno Marco Girelli, ceo di Omd, ed Emanuele Nenna, managing director di Now Available, i due vicepresidenti di AssoCom per il mandato 2014-2016. Lo ha stabilito nella giornata di ieri il Consiglio Direttivo dell’associazione guidata da Marco Testa, in occasione della sua prima riunione dopo le elezioni dello scorso mese di dicembre.

Tra le tematiche particolarmente rilevanti che AssoCom si prepara ad affrontare, Girelli, intervistato da Today Pubblicità Italia, si è soffermato su due questioni in particolare:  “Innanzitutto dovremo concentrarci sulla rilevazione delle audience e trovare un sistema di misurazione coerente per la multicanalità. Altro punto su cui lavorare è la corretta remunerazione del nostro servizio.  Questo passaggio va a toccare gli aspetti della trasparenza e dei diritti di negoziazione: è arrivato il momento di parlarne tenendo conto del ruolo che svolgiamo”. In riferimento alla rappresentanza del mondo del media e dei grandi network con la sua elezione a vicepresidente il manager ha aggiunto: “Credo che Marco Testa sia talmente ecumenico che possa rappresentare non solo la creatività, ma la comunicazione in senso più allargato. Sicuramente è ribadita la centralità del media”.

“Il presidente ha lasciato libero confronto in Consiglio – ha commentato Nenna -. Credo siano usciti i due nomi più giusti. AssoCom deve rappresentare tutte le anime della comunicazione e ritengo che una figura come la mia serva a lanciare anche un messaggio alle potenziali new entry, in particolare al mondo delle agenzie indipendenti capaci di associare creatività e innovazione. Si è voluto dare un segnale di vitalità e cancellare l’immagine di un’associazione burocratica e polverosa. In questa fase è fondamentale lavorare sul fronte del marketing associativo. AssoCom deve tornare ad essere un brand attivo, visibile, moderno e quindi sexy. Le agenzie hanno bisogno di ritrovare un motivo per entrare e il presupposto è darsi da fare affinché la nostra realtà associativa funzioni. Sul tavolo vedo molta energia.  Inizieremo da subito a dialogare più da vicino con quegli interlocutori che possono aiutarci nella battaglia per ridare alla pubblicità e alla creatività senso e valore. Personalmente ho l’ambizione di dar vita a iniziative comuni con l’Art Directors Club”.

Sempre nella giornata di ieri il Consiglio ha nominato  come presidente del Centro Studi AssoCom  Layla  Pavone, managing  director  di Isobar, mentre Eugenio Bona,  presidente di Media Italia, è diventato il nuovo presidente di Assap Servizi.

Andrea Crocioni e Serena Poerio