AssoCom, in 15 per 9 poltrone. Ufficializzate le candidature

13 dicembre 2013

Il 18 dicembre le elezioni per il nuovo Consiglio Direttivo che eleggerà il presidente. Del Frate: “L’alto numero di candidature, è un segno di vitalità e di impegno”

 

Si sono chiusi alla mezzanotte dell’altro ieri i termini per la presentazione delle candidature alla guida di AssoCom. L’assemblea voterà il prossimo 18 dicembre per eleggere i nuovi membri del consiglio direttivo, ai quali spetterà la nomina del presidente. Si tratta delle prime elezioni condotte secondo le nuove regole dello statuto modificato a giugno di quest’anno.

Ecco i candidati: Alessandro Barbieri, presidente di Reloy; Giorgio Bonifazi Razzanti, presidente di Pan Comunicazione; Vittorio Bonori, ceodi Zenith Optimedia; Marzia Curone, amministratore delegato di Relata; Enrico Gasperini, fondatore e consigliere delegato di Livextension; Marco Girelli, ceo di OMD, Sandra Grifoni, amministratore unico di InMediato; Marco Gualdi, amministratore delegato di Inventa CPM; Isabelle Harvie Watt, ceo & country manager di Havas Media Group Italia; Alessandra Lanza, responsabile business innovation di Filmmaster Events; Mauro Miglioranzi, amministratore unico di Cooee Italia; Emanuele Nenna, managing director di Now Available; Layla Pavone, managing director di Isobar; Rossella Sobrero, presidente di Koinetica; Marco Testa, presidente del Gruppo Armando Testa.

“Siamo in vista di un momento cruciale per la vita di AssoCom, a conclusione di un anno di profondo rinnovamento – afferma il direttore generale Stefano del Frate (nella foto) -. Sono soddisfatto per l’alto numero di candidature, è un segno di vitalità e di impegno: significa che l’associazione ha ancora un valore, se anche personalità come Marco Testa hanno deciso di mettersi in gioco per dare una mano. Numerose sono le persone che per la prima volta si propongono per il ruolo di consiglieri. Li sto invitando a farsi conoscere, affinché non siano penalizzati dai volti più noti, quindi mettiamo a disposizione i nostri canali, come il blog, per favorire il dibattito. Nutrita è la presenza dei candidati dei centri media che hanno positivamente interpretato il ruolo che possono ricoprire in associazione in un momento particolarmente difficile del mercato”.

Il 18 dicembre gli associati potranno esprimere nove preferenze. “Arriveremo a quella data con una situazione aperta, senza accordi e liste precostituite, e saranno le preferenze a indicarci dove sta andando questo settore”.