Aldo Biasi torna a lavorare con Ferrari Formaggi. “AssoCom? Se si rinnova, ci ripenso”

13 dicembre 2013

Aldo Biasi Comunicazione torna a lavorare con Ferrari Formaggi e sarà il partner creativo dell’azienda per il 2014. Un incarico avvenuto per assegnazione diretta, in quanto l’agenzia aveva già lavorato in passato per il caseificio lombarda. “Dopo due anni di silenzio, Ferrari Formaggi ha voluto reinvestire in adv, riattivando il rapporto con noi – ha commentato a Today Pubblicità Italia il direttore creativo Aldo Biasi -. La strategia di comunicazione che abbiamo condiviso per il 2014 parte dalla linea GranMix in vista del Natale, che per ragioni di tempo ha previsto solo la declinazione in radio con un’intensa programmazione sulle principali emittente nazionali  e private. In futuro coinvolgerà di volta in volta anche gli altri prodotti Ferrari e alcune loro attività promozionali. Resterà per tutti prodotti il pay-off ‘Tutte le qualità del formaggio’. I target di riferimento diventano trasversali, quindi non solo la famiglia, ma anche giovani coppie e single”.

Da ieri, e fino a fine anno, è on air il nuovo spot radio di 30” con protagonista GranMix, formato da  Grana Padano, Parmigiano Reggiano ed Emmentaler Svizzero. Lo spot radio è pensato come un vero trailer cinematografico: una musica coinvolgente ed emotiva e una voce narrante calda raccontano in maniera evocativa il prodotto e la sua ricetta per il successo. La campagna è stata pianificata da Mediacom. Hanno lavorato alla campagna i copy Arianna Biasi e Alessio Capobianco. “Abbiamo scelto l’agenzia Aldo Biasi Comunicazione perché vogliamo comunicare in maniera dinamica e creativa la qualità e la garanzia dei nostri prodotti”, ha aggiunto Silvia Ferrari per l’azienda.

Intanto l’agenzia Aldo Biasi Comunicazione chiude il 2013 con il segno più. “E’ stato un anno complicato che ha visto però rinsaldarsi la unit digital We-B e ci ha visti coinvolti in alcune gare. Abbiamo lavorato al nuovo posizionamento di Conad ‘Persone oltre le cose’ che proseguirà l’anno prossimo”. Per quanto riguarda AssoCom, l’agenzia è uscita, ma Aldo Biasi si definisce “alla finestra. Per ora l’associazione è vecchia e quindi so si rinnova o sono inutili. Non ha più tanto senso. Per me oggi l’associazionismo che ha senso si crea in rete con community attive  e brillanti. Però se si rinnovano ci ripenso, ma dovrò vedere vantaggio, professionale e qualificante e non di servizio”.

Valeria Zonca