Microsoft Advertising, tre assi nella manica per il 2014

6 dicembre 2013

Contino: “Windows 8.1, interfacce naturali e gamification sono le leve strategiche”

 

Windows 8.1, interfacce naturali e gamification saranno le tre leve strategiche su cui punterà la divisione Advertising di Microsoft per il 2014. Ad annunciarlo è Andrea Contino (nella foto), Marketing manager Trade per quel che riguarda il mercato italiano, “tra i primi al mondo in ambito pubblicitario. Il nostro andamento è in linea con quanto riportato da Iab Italia (+7,7% nel 2013 e una prospettiva di +8,5% per il prossimo anno, ndr)”.
Barilla e Peugeot sono alcuni dei primi brand che hanno fatto da apripista verso le potenzialità del nuovo sistema operativo, “capace di veicolare esperienze coinvolgenti a dispetto del semplice banner. Con Milka, invece, abbiamo sperimentato la strada del gaming”.
Tempo fa il marchio di cioccolato ha, infatti, scelto Xbox per comunicare in maniera interattiva il lancio di due prodotti: da un banner presente nella dashboard, gli utenti potevano entrare nell’hub Milka, scoprire contenuti speciali sul brand (video e immagini) e votare il preferito tra i due Milka Snax (Popcorn o Daim). Così facendo, gli utenti potevano scaricare una t-shirt Milka da far indossare al proprio avatar.

Allo studio del colosso di Redmond continua a esserci l’utente e il suo comportamento di fronte alla digital adv, tema venuto alla ribalta anche nel corso dello Iab Forum appena conclusosi. “Da un biennio a questo parte abbiamo istituito dei workshop interni tenuti insieme ai consumatori con l’obiettivo di individuare i formati più adatti a guidarli verso il processo d’acquisto”, prosegue Contino.

Mentre una recente ricerca di Assist suddivide la platea online in base a cinque target, dai meno ai più giovani, in progressivo allontanamento dallo schermo televisivo, Microsoft ripartisce il “viaggio digitale dell’utente in tre fase giornaliere: le attività quotidiane, il lavoro e il divertimento a cui, grosso modo, corrispondono diversi schermi: si comincia la mattina con la fruizione mobile, nelle ore centrali si passa al Pc o al tablet mentre la sera è il momento dell’intrattenimento, magari da trascorrere con Xbox o su Skype”.

Paola Maruzzi