Kellogg’s indossa il naso rosso di Dottor Sorriso con Publicis Modem

27 novembre 2013

Kellogg’s sostiene Dottor Sorriso con l’iniziativa ‘C’è più gioia a donare un sorriso’. Il progetto nasce in primavera con la donazione, da parte dell’azienda, di 500 giornate di clownterapia. Oggi l’iniziativa si allarga a tutto il pubblico con l’obiettivo di ampliare l’operazione.   Tutto prende il via con un video che racconta la storia di una pallina rossa. La protagonista è al centro di tante avventure, vissute prima di comprendere la sua vera natura: diventare un naso rosso e portare il sorriso ai bambini che ne hanno più bisogno proprio come la missione della onlus sostenuta da Kellogg’s.  Il video, nato per il web, diventa protagonista anche nelle sale cinematografiche in programmazione prima dell’inizio di alcuni film per bambini. L’iniziativa continua nel circuito Grandi Stazioni.

Grazie agli Interactive Wall presenti nelle stazioni ferroviarie le persone possono indossare il naso rosso virtuale simbolo dell’operazione, condividere la propria immagine e donare ancora più sorrisi. L’obiettivo è donare giornate di Clownterapia in più. Le persone che hanno donato il loro sorriso virtuale diventano protagoniste della campagna visibile sui Wall Led delle stazioni di Milano, Roma, Napoli e Torino. Sulla pagina Facebook di Dottor Sorriso è possibile indossare il naso rosso virtuale, e condividere l’immagine attraverso la gallery dedicata, per donare ancora più sorrisi e contribuire ad aumentare le giornate di clownterapia. mIn più il 23 novembre ha avuto luogo un evento speciale: un inedito video-collegamento tra gli utenti YouTube e le persone in Stazione Centrale a Milano, attraverso il masthead su Youtube le persone hanno potuto donare un sorriso ed apparire sui Wall Led della Stazione Centrale di Milano.

La creatività è curata da Publicis Modem con la direzione creativa esecutiva di Bruno Bertelli e Cristina Boccassini. Ha collaborato un team costituito dall’associate creative director Tommaso Canal, dal copy Graziano Nani e alll’art Hana Kovacevic.