Tbwa\Italia e Humanitas mettono in mostra la lotta contro il fumo

15 novembre 2013

Dall’11 al 22 novembre gli studenti delle scuole Medie e Superiori saranno protagonisti di un viaggio in cui arte e medicina guidano la conoscenza, organizzato da Humanitas Cancer Center, centro specialistico da sempre impegnato in attività di prevenzione delle principali patologie e in iniziative di diffusione della cultura della salute, con il supporto di Fondazione Humanitas e la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia.

La prima tappa del progetto Smok-ink, che coinvolgerà oltre cinquecento ragazzi presso l’ospedale Humanitas di Rozzano , prevede la visita della mostra, curata e ideata da Moreno De Turco e Mirco Pagano, creativi di Tbwa\Italia, sotto la direzione artistica di Francesco Guerrera e Nicola Lampugnani, in cui i polmoni dei fumatori si fanno tele e le sigarette diventano inchiostro. Un’infografica dipinta interamente a mano attraverso il linguaggio semplice e accattivante dell’artista italiano di street-art, Ozmo che ha dipinto le tele utilizzando uno speciale inchiostro estratto da 4000 sigarette, grazie ad una macchina che ne raccoglie le sostanze nocive.

Per colpire non solo la vista ma anche l’olfatto dei giovani visitatori. La seconda tappa vedrà i medici di Humanitas Cancer Center impegnati nel coinvolgimento dei ragazzi con una discussione interattiva. In programma un focus scientifico e psicologico, per far emergere il significato del fumo come elemento di appartenenza al gruppo e capire, ad esempio, quali sono le curiosità che affascinano chi non ha mai provato. Il progetto prevede anche una finestra dedicata ai Laboratori Creativi multimediali a tema, terza tappa dell’iniziativa. Un’occasione di interazione, per ancorare le informazioni scientifiche al vissuto concreto, che permetterà  agli studenti di approfondire il tema del fumo tramite la produzione di elaborati creativi.