Per Mondadori ricavi in calo del 9,5%

15 novembre 2013

Il cda di Arnoldo Mondadori Editore, riunitosi ieri sotto la presidenza di Marina Berlusconi, ha esaminato e approvato il resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2013, presentato dall’ad Ernesto Mauri (nella foto). Il fatturato consolidato si attesta a 931,2 milioni di euro (-9,5%). Il margine operativo lordo consolidato al netto dei proventi e degli oneri non ricorrenti cala a 36,2 milioni (-33,5%), mentre il risultato netto consolidato è di -32,3 milioni di euro contro l’utile di 16,3 milioni di euro del 30 settembre dello scorso anno. Dal confronto dei primi tre trimestri del 2013, rispetto a quelli del 2012, emerge un trend di stabilizzazione del calo dei ricavi e di un progressivo recupero della riduzione del margine operativo lordo (ante effetti non ricorrenti ed oneri di ristrutturazione): -17,3% nel terzo trimestre rispetto al -48,9% nel primo semestre dell’anno. Sul fronte della stampa periodica in Italia, con un mercato in forte sofferenza, Mondadori ha registrato un fatturato pari a 253,1 milioni di euro (-14,2%) riconducibile a una flessione dei ricavi diffusionali (-9,9%) e delle vendite di collaterali (-12,2%). Segno più, invece per i ricavi di licensing, cresciuti del 13,8%.

I ricavi pubblicitari risultano in calo del 28,4%, a perimetro omogeneo, tenendo conto che nel terzo trimestre sono cessate le pubblicazioni di Casaviva, VilleGiardini, Panorama Travel e Men’s Health, che si aggiungono alle discontinuità del primo semestre (cessazione Panorama Economy e trasformazione di Flair in allegato di Panorama), la flessione si ferma al 22,8%.

Sul fronte digitale  i siti Mondadori hanno registrato una crescita del 6,2%, rispetto al 2012. Per quanto riguarda la raccolta, Mondadori Pubblicità ha chiuso i primi nove mesi a 105,1 milioni di euro, in calo del -18,6% rispetto ai 129,1 milioni di euro del 2012. Per quanto riguarda la raccolta sul mezzo radio, i primi nove mesi del 2013 chiudono con un dato in crescita del 32% grazie all’acquisizione in concessione, a partire da aprile, dell’emittente Radio Italia Solo Musica Italiana e a partire da settembre, di Radio Subasio, cui si è aggiunta a ottobre l’acquisizione della raccolta per Radionorba, consentendo a Mondadori Pubblicità di rafforzare il proprio presidio nel settore con un’offerta da 9,3 milioni di ascoltatori complessivi nel giorno medio. La raccolta pubblicitaria relativa a Internet, gestita tramite la joint-venture Mediamond, registra un +18,3% rispetto allo stesso periodo del 2012.