Per Kawasaki esordio nel mondo degli scooter con Casiraghi Greco&

6 novembre 2013

Fra i modelli presto on air anche la nuova Z1000 e la  Z1000sx

In risposta alla domanda di soluzioni innovative per il trasporto urbano, Kawasaki entra per la prima volta nel mercato europeo degli scooter con il J300. Il nuovo modello, presentato ieri nel corso dell’edizione 2013 dell’Eicma, riunisce prestazioni sportive, controllo, comfort e praticità in un design personale che lo rende immediatamente riconoscibile come un prodotto del marchio giapponese.

“Per noi si tratta dell’ingresso in un nuovo mercato – ha spiegato Sergio Vicarelli, direttore marketing di  Kawasaki Italia -. La nostra rete vendita attendeva questo prodotto da anni che si va a posizionare in una fascia medio alta del segmento”. In un mercato affollato J300, che sarà disponibile in Italia entro la fine dell’anno, punta su un design di sicuro impatto  immediatamente riconoscibile come tipico Kawasaki. “Il lancio sarà sostenuto da una campagna che sarà focalizzata principalmente su stampa di settore e tv tematiche. Per la creatività il nostro partner sul mercato italiano è Casiraghi Greco&, agenzia che ci segue da anni. Lo spot sarà estratto da un video realizzato a livello internazionale”, ha aggiunto il manager.

Ma le novità per l’azienda non si fermano qui. A dicembre per gli appassionati di moto arriva la nuova Z1000, risultato dell’approccio Kawasaki nell’utilizzare come spunto creativo l’ideogramma giapponese ‘Sugomi’ che a portato alla nascita di modello ispirato nelle forme a un predatore nella posizione di caccia. Anche per la supernaked del marchio, altro prodotto di punta in vista del 2014, è prevista comunicazione su stampa di settore e televisiva. “Fra i prodotti che saranno sostenuti pubblicitariamente – ha affermato Vicarelli – ci sarà anche la Z1000sx”. Si tratta di una tourer perfetta per lunghi tragitti su strada, ma dal carattere sportivo. “Proprio per queste sue caratteristiche – ha concluso il direttore marketing – abbiamo deciso di far uscire la campagna al di fuori delle riviste di settore e di puntare anche sulle testate dedicate al turismo”.

Andrea Crocioni