Jeans e qualità dei capi gli argomenti più chiacchierati sul web

19 settembre 2013

In occasione della settimana della moda di Milano l’indagine di Reputation Manager

 

Il jeans è il capo d’abbigliamento più forte sul web. La fan page di Levi’s con 19.395.291 fan batte i grandi brand del lusso come Burberry (16.199.840 fan), Louis Vuitton (14.936.803 fan)  e Dior (12.296.286 fan). A dirlo è Reputation Manager che ha presentato la sua analisi in occasione della settimana della moda di Milano. Più in generale il digital sembra essere il regno dell’abbigliamento casual: il 64% delle conversazioni sui capi informali avviene sui portali dove l’opinione del consumatore è protagonista. In particolare il 26% su blog, il 23% su siti di opinioni e recensioni e il 15% sui forum.
A destare l’attenzione degli utenti è in primo luogo la qualità dei capi (cioè vestibilità, materiali, modelli), argomento presente nel 39% dei contenuti rilevati. A seguire ci sono la comunicazione (16%), il pricing (15%), l’immagine del brand, la rete di vendita (12%), mentre il sito web e la sostenibilità sono gli aspetti meno discussi con solo il 2% e questo nonostante i marchi promuovano iniziative ad hoc sul tema.
Trend in forte ascesa sono l’acquisto negli outlet, sia generici che monomarca, e la vendita online dell’usato. Per quanto riguarda la promozione si rileva una grande attenzione da parte dei brand a iniziative di comunicazione e immagine, attraverso collaborazioni con artisti e personaggi famosi o partnership in altri settori su particolari categorie di prodotto.

“Prende sempre più corpo una comunicazione ‘dal basso’, che passa attraverso le cosiddette fashion blogger: photo-gallery di jeans e vestiti passano quotidianamente attraverso i loro blog, commentate e condivise sui social network – spiega AndreaBarchiesi (nella foto) ceo di Reputation Manager -. Questo particolare tipo di mention, anche senza il corredo di opinioni e valutazioni, contribuisce a rinnovare costantemente l’immagine del marchio, percepito sempre come trendy e alla moda”.