Periodici San Paolo rinnova il Giornalino, lancia due nuovi mensili per ragazzi e sviluppa un web sicuro

19 settembre 2013

Debuttano I Love English Junior e SuperG!

Autunno di novità dai Periodici San Paolo per il mondo dei ragazzi: giovani lettori e appassionati di fumetto. Innanzitutto, da oggi lo storico settimanale il Giornalino si rinnova completamente. A quasi 90 anni, che festeggerà nel 2014, si rifocalizza sul pubblico dagli 8 agli 11 anni, tenendo insieme contenuti destinati a maschi e femmine e formulandoli con una grafica tutta rinnovata: inediti fumetti di qualità, racconti e storie per stimolare l’immaginazione, giochi, sport e ‘la parola ai ragazzi’ con le nuove rubriche di dialogo. Il lancio sarà supportato da un’iniziativa promozionale realizzata in collaborazione con Panini che vedrà coinvolto il settimanale in oltre 500 oratori sul territorio nazionale e l’avvio de ‘ilGiornalino Adrenalyn Cup’ in 100 oratori.

A sostegno del lancio, è stata anche pianificata da Mediacom una campagna pubblicitaria su stampa e tv che vede coinvolte tutte le testate San Paolo e il quotidiano Avvenire, con spot da 15” in onda su DeAKids, Super!, TV2000, Telenova e altre in via di definizione. Per la comunicazione istituzionale, di prodotto, direct e web è stata scelta l’agenzia Kulta.

“Se normalmente con il Giornalino tiriamo 55 mila copie (di cui circa 20 mila su abbonamento), con questo rilancio, per sostenere l’edicola e in particolare la campagna di promozione negli oratori, arriveremo a 80 mila nei primi tre numeri”, sottolinea a Today Pubblicità Italia Alberto Porro, publisher Area Ragazzi dei Periodici San Paolo. Ma le novità per la sua area non finiscono qui. Nascono, infatti, due nuovi mensili: il 10 ottobre (“con una tiratura di 30 mila copie a supporto di una campagna abbonamenti che include anche il canale scuole”) debutterà I Love English Junior, la prima rivista per ragazzi dagli 8 agli 11 anni tutta in inglese, per imparare la lingua divertendosi. Ogni mese per dieci numeri 24 pagine di giochi, storie, attività ludiche, curiosità sul mondo anglosassone, rubriche, un fumetto e 100 parole nuove da imparare, con un cd audio in ogni numero per migliorare la pronuncia.

“Un prodotto che apre una strada di ulteriori specializzazioni su cui contiamo in futuro di proseguire”, aggiunge Porro. Il 17 ottobre sarà, invece, la volta di SuperG!, per i ragazzi dai 12 ai 15 anni, destinato a soddisfare la fame di avventura e di lettura dei giovani ‘forti lettori’ offrendo loro, per 12 numeri all’anno, una lunga storia a fumetti (48 pagine su 80), un racconto di un importante autore della narrativa italiana e straniera per ragazzi, rubriche e fumetti brevi umoristici e anche una declinazione digitale attraverso un blog dedicato. San Paolo completa così un progetto editoriale integrato iniziato la scorsa primavera con le nuove testate per bambini in età prescolare (3-5 anni): G Baby Giochi e G Baby Dire Fare Giocare.

Un investimento controcorrente in tempi non facili per l’editoria, all’interno di un disegno ampio che prende il nome di ‘Mondo G – l’avventura di crescere’ e che ha visto la collaborazione di Doxa, partner selezionato per le ricerche quantitative. “Gli obiettivi che ci proponiamo oggi sono due – spiega ancora il publisher -: rafforzare  il modello di business basato sugli abbonamenti, da qui anche una particolare offerta di lancio, e rafforzare l’approccio sistemico che ci permette di seguire con le nostre testate il bambino dai 3 fino ai 15 anni. Crediamo nella leva della lettura, confortati dai dati che ci dicono che il 61% del target è lettore, e scegliamo la carta perché sappiamo che il genitore le attribuisce un valore positivo. Inoltre, l’operazione di allargamento del target e di ‘fidelizzazione’ dei giovani lettori nel loro percorso di crescita non potrà che supportarci anche nel rapporto con gli investitori pubblicitari, seguiti dalla nostra concessionaria interna Publiepi”. Non solo carta, però: “Avevamo urgenza di lavorare sui periodici per sviluppare il resto – chiude Porro -, ovvero un approccio al digitale attraverso contenuti rilevanti, ma in un web sicuro. Proposta che dovremmo essere pronti a lanciare nel 2014”.

Monica Bozzellini