Nielsen: gennaio-luglio a -16%. Ma tv e internet tornano a crescere

18 settembre 2013

Ripartono gli investimenti in tlc, beverage e cura persona

 

“Anche se luglio in generale non è un mese importante per il mercato dal punto di vista degli investimenti, è comunque confortante vedere qualche numero positivo, o meno negativo, tra i dati”: lo afferma Alberto Dal Sasso, advertising information services business director di Nielsen. Il totale del mercato cumulato nei primi sette mesi del 2013 è ancora in negativo (-16%), ma c’è un lieve miglioramento se si considera che il semestre si era chiuso a -17,4%. “Il peggioramento della crisi nel 2012 – prosegue Dal Sasso -era iniziato proprio a luglio per poi proseguire costantemente fino alla fine dell’anno”. Il singolo mese di luglio chiude a -5,4%. I mezzi che fanno ben sperare sono tv e web: “La tv dopo 21 mesi consecutivi in terreno negativo torna leggermente in attivo nel suo insieme, +1,6% nel mese di luglio. Il cumulato è intorno al -15%”. Anche internet sopo 4 mesi consecutivi in calo segna un’inversione di tendenza sul mese, che chiude a +5,1%, portando il cumulato a 2,2%. Nessun miglioramento per la stampa che registra nei primi sette mesi un calo del 24,1% sia per i quotidiani (che nel singolo mese sono però a -19,1%) sia per i periodici. Tutti gli altri mezzi restano in negativo, anche se con qualche leggero miglioramento (la radio ad esempio dopo aver chiuso il semestre a -14,4% segna a luglio -8,9%, portando il cumulato a -12,7%), ad eccezione del cinema che ha invece forti difficoltà anche sul singolo mese. Per quanto riguarda i settori, oltre a Informatica/Fotografia che proseguono il trend positivo (+44,3%) si segnalano anche segnali di inversione di tendenza nel beverage, +2,4% a luglio, e nella cura della persona, +2%, “dove abbiamo riscontrato un ritorno agli investimenti di alcuni importanti spender storici – sottolinea Dal Sasso -. Anche le tlc hanno ripreso a comunicare con numeri importanti anche se con scelte diverse dal punto di vista dei media mix”. Le tlc sul mese di luglio sono infatti in crescita del 16,5%, pari a circa 5 milioni di euro, e crescono anche Media ed Editoria (+13,7%) e Distribuzione (+2,6%). “Come previsto da più parti – conclude Dal Sasso – la seconda metà dell’anno potrebbe lentamente migliorare, se non altro per il rimbalzo tecnico. Rimane però l’incertezza dal punto di vista politico economico, che rende difficili ulteriori previsioni”.

Per i dati completi clicca qui.

Laura Buraschi