‘Ferma il bastardo’, la comunicazione sociale di Aria Adv contro la violenza sulle donne

12 settembre 2013

Oggi un flash mob a Firenze in occasione della Vogue Fashion’s Night Out

‘Ferma il bastardo’ è una campagna di comunicazione sociale ideata da Aria Adv, creata per prevenire, denunciare e fermare la violenza di genere. Aria Adv è una rete creativa da sempre impegnata su temi riguardanti la natura, la sostenibilità e la responsabilità sociale, che ha promosso iniziative per WWF, Medici Senza Frontiere, A.i.r.c., Anlaids, Lilt, Amref, Pacific Whale Foundation, Ovale oltre le sbarre. Le donne nel nostro Paese vivono diverse forme di abusi e discriminazioni; una su tre ha subito violenza e nel 90% dei casi il fatto non viene denunciato. 124 vittime nel 2012, una donna uccisa ogni due giorni. Creata originariamente per il brand Yamamay, da sempre vicino alle donne, questa campagna di comunicazione sociale è stata sostenuta con entusiasmo da Gianluigi Cimmino, ceo di Yamamay, e da Michele Pecchioli, direttore creativo di Aria Adv, tanto da diventare un manifesto con un codice aperto, ossia adottabile e divulgabile da chiunque, per creare consapevolezza e sensibilizzare il maggior numero possibile di persone, suscitando l’interesse di personalità come Franca Sozzani, direttrice di Vogue Italia e di altri brand, fra cui Carpisa, Geox, Universo Sport e Nomination. Le vittime di violenza perdono l’autostima e la speranza e ‘Ferma il bastardo’, vuole essere uno sprone alla denuncia, un coraggioso inizio di un percorso per riprendere possesso dei propri diritti. Oggi in occasione della Vogue Fashion’s Night Out fiorentina, verrà organizzato un flash mob con il supporto di ballerini professionisti e delle scuole di danza del territorio e soprattutto con la partecipazione di tutti coloro che non ammettono alcuna violenza di genere. Secondo Michele Pecchioli “L’interesse senza partecipazione è qualcosa che è destinato a passare, ed il silenzio è complice della violenza – spiega Pecchioli -. Era necessaria una frase dura, che richiamasse immediatamente l’attenzione, per provare ad innescare un profondo cambiamento culturale e sociale”. Chi adotterà la campagna ‘Ferma il bastardo’ ne diffonderà il messaggio, puntando il dito contro chi viola la dignità delle donne con atti di violenza fisica e psicologica.