Rai, perdita di 3,2 milioni di euro nel primo semestre 2013

9 settembre 2013

Si è riunito venerdì il Cda dell’azienda per approvare il bilancio consolidato

 

Si è riunito venerdì scorso il Cda Rai, che ha approvato il bilancio consolidato al 30 giugno 2013. L’azienda guidata dal dg Luigi Gubitosi (nella foto) ha riportato un risultato netto con una perdita 3,2 milioni di euro, a fronte di una perdita nello stesso periodo dell’anno precedente pari a 129 milioni di euro. I ricavi complessivi del gruppo si sono ridotti di circa 50 milioni di euro rispetto al 2012. Il risultato operativo è stato di 28,6 milioni. L’indebitamento è stato di 70,3 milioni. “Al miglioramento gestionale – spiega l’azienda – hanno concorso l’assenza dei grandi eventi sportivi (Campionati Europei di calcio) e importanti azioni di controllo sui costi. Questo nonostante una riduzione dei ricavi complessivi del gruppo di circa 50 milioni di euro rispetto al 2012, determinati principalmente dalla ulteriore contrazione del mercato pubblicitario”.

Il risultato operativo del primo semestre – si legge ancora – è stato pari a 28,6 milioni di euro (115,2 perdita operativa 2012) con un miglioramento di 143,8 milioni. In particolare il consuntivo del secondo trimestre 2013 ha fatto segnare un utile netto pari a 3,2 milioni di euro in miglioramento sia rispetto al primo trimestre, nel quale si era registrata una perdita di 6,4 milioni di euro, sia rispetto al secondo semestre del 2012 in cui la perdita è stata do  117 milioni di euro. “Nel complesso – prosegue l’azienda – tali risultati confermano l’andamento indicato nel piano industriale che prevede per il 2013 un risultato operativo positivo e un pareggio del risultato netto nel 2014”. L’indebitamento netto consolidato al 30 giugno è stato pari a 70,3 milioni di euro – conclude la nota – rispetto ad una posizione di 366,2 milioni di euro al 31 dicembre 2012, “in riduzione principalmente per motivi stagionali” .