La Cucina Italiana rinnova il look e i contenuti

2 settembre 2013

In edicola il numero di settembre

E’ in edicola il nuovo numero di settembre de La Cucina Italiana. Il mensile diretto dal direttore Anna Prandoni torna in edicola rinnovato sia a livello grafico sia dei contenuti che rendono La Cucina Italiana ancora più contemporanea, al passo coi tempi e con i gusti dei suoi lettori che oggi rappresentano una fascia eterogena composta da donne, ragazzi, foodies, uomini e appassionati di cucina di tutte le età.

Un nuovo font, una nuova gabbia grafica e una diversa suddivisione dei contenuti: 3 macro sezioni denominate Idee, Suggestioni e Ricette guidano il lettore alla scoperta di prodotti, luoghi, sapori e itinerari, oltre alle immancabili ricette, cuore del giornale.

Nuova anche la rubrica il Pranzo della Domenica pensata per i giorni in cui si dedica ai fornelli il giusto tempo e si preparano manicaretti con passione e attenzione. Curata ogni volta da un differente chef stellato, apre questo numero Tommaso Arrigoni.
Grazie al contributo della giovane art director Martina Uderzo e al coordinamento di Anna Prandoni, La Cucina Italiana di settembre si scopre più pratica mantenendo al contempo la tradizione e la passione per l’eccelenza che da sempre la contraddistinguono.

Così Anna Prandoni racconta le novità in edicola: “Per noi questo cambio di stagione significa un giornale più contemporaneo, che risponde a due diverse esigenze: risolvere con semplicità ma con tanto gusto l’incombenza quotidiana del cucinare e darvi spunti e ricette per le giornate in cui avete più tempo e la passione per i fornelli diventa un momento di relax che gratifica voi e le persone che con voi condividono il risultato. La parte dedicata alle ricette è quindi in una sezione più pratica, dopo le idee per la casa e tavola e dopo le suggestioni, spazio in cui ci proponiamo di farvi sognare una nuova meta, gastronomica o di viaggio. Il progetto che ci ha guidati parte da qui, ma vuole esplorare anche tutto un mondo attorno al cibo, proprio come ha sempre fatto La Cucina Italiana fin dalle origini: attualità, prodotti, fai da te, arte del ricevere e itinerari riscoprono la tradizione ma trovano un nuovo spazio e un nuovo volto.”