Telecom Italia Media, risultato netto in negativo per 133,5 milioni di euro

31 luglio 2013

Il cda di Telecom Italia Media, riunitosi sotto la presidenza di Severino Salvemini (nella foto), ha esaminato e approvato la relazione finanziaria semestrale del Gruppo al 30 giugno 2013. I ricavi consolidati nel primo semestre 2013 sono pari a 38,6 milioni di euro, con un incremento di 0,9 milioni di euro rispetto allo stesso periodo del 2012 (37,7 milioni di euro). L’incremento è integralmente attribuibile ai maggiori ricavi dell’operatore di rete. L’Ebitda è pari a 18,3 milioni di euro e si riduce di 1,6 milioni di euro rispetto al primo semestre 2012 (19,9 milioni di euro). L’Ebit è pari a 4,1 milioni di euro e si riduce di 2,9 milioni di euro rispetto al primo semestre 2012 (7 milioni di euro).

Il risultato netto è pari a -133,5 milioni di euro e comprende l’impatto negativo, comprensivo della perdita netta del periodo, per la cessione di La7 (ceduta a fine aprile 2013), pari a 129,8 milioni di euro e la perdita dei primi sei mesi dell’anno, pari a 8,1 milioni di euro, di Mtv Group, che sarà oggetto di cessione entro settembre 2013. L’indebitamento finanziario netto è pari a 285,3 milioni di euro (260,1 milioni di euro a fine 2012). L’incremento è principalmente imputabile al flusso di cassa netto derivante dalla cessione di La7 (110,7 milioni di euro) e dalla prevista cessione di Mtv (12,6 milioni di euro), solo parzialmente compensato dalla rinuncia al credito finanziario da parte di Telecom Italia, così come previsto nell’ambito dell’operazione di cessione di La7, per 100,0 milioni di euro.

Come conseguenza delle cessioni le relative business unit sono state classificate nelle Discontinued Operations; è stata pertanto rivista la modalità di rappresentazione delle risultanze economico patrimoniali, isolando la Business Unit Operatore di rete in continuità con l’esercizio precedente. La Business Unit Operatore di rete comprende le attività svolte da Telecom Italia Media Broadcasting (TIMB) in relazione alla gestione dei Multiplex Digitali, nonché l’offerta di servizi accessori a società del Gruppo e a soggetti terzi. I ricavi dell’operatore di rete nel primo semestre 2013 sono pari a 38,6 milioni di euro e aumentano di 0,9 milioni di euro rispetto allo stesso periodo del 2012 (37,7 milioni di euro).  L’Ebitda è pari a 21,6 milioni di euro e si riduce di 0,4 milioni di euro rispetto al primo semestre 2012 (22,0 milioni di euro). Al 30 giugno 2013 i tre multiplex digitali di TIMB, che coprono il 95% della popolazione italiana, ospitano oltre 20 canali televisivi.