Rai2 ‘pesca’ dal web Una mamma imperfetta per l’access prime time

17 luglio 2013

Il dg Rai Luigi Gubitosi (nella foto): “L’adv migliora a luglio, un team dedicato a Expo 2015 e allo studio un nuovo format per Miss Italia”

 

Rai2 torna a ospitare dopo anni la fiction e questa di per sé è già una notizia (peraltro annunciata durante la presentazione dei palinsesti Rai lo scorso 24 giugno). Ma fa ancora più notizia il fatto che la Tv si apra a una fiction di 8 minuti a puntata, nata sul web e frutto di un incrocio di produttori, apparentemente distanti tra di loro: Rai Fiction, Rcs con il Corriere della Sera, 21 e Indigo Film. La ‘contaminazione’ tra i vari artefici del progetto ha permesso l’incrocio tra le due attuali piattaforme di fruizione, la tv e il web.

Quindi, dopo il successo sull’online, Una mamma imperfetta approderà in Tv dal 9 settembre, on air in access prime time, dopo il Tg su Rai2, dal lunedì al venerdì. Altra novità è la decisione di produrre il sequel. Le riprese della seconda stagione saranno in partenza il 5 agosto a Roma e seguiranno lo stesso schema: 25 puntate da 8 minuti, che saranno trasmesse da metà ottobre in contemporanea sia dal sito del Corriere della Sera sia da Rai2 in access prime time. La fiction, ideata e scritta da Ivan Cotroneo (autore di fiction Tv tra cui Tutti pazzi per amore e Una grande famiglia), ha come personaggio principale Chiara, l’attrice Lucia Mascino, che affronta i problemi di una mamma con marito, due figli e un lavoro. Trasmessa sul sito del Corriere dal 6 maggio al 7 giugno, la serie ha superato 1,2 milioni di streaming, con una durata media del contatto di 8 minuti.

“Considerando che il web è un mezzo dove l’utente morde e fugge, il successo è stato grande perché ha creato engagement anche con la social community – ha commentato il vicedirettore del quotidiano Daniele Manca -. Siamo sulla sperimentazione come l’operazione di questo periodo con Piero Chiambretti  a cui abbiamo affidato la rubrica web ‘Intercettazioni’ su Corriere.it. Abbiamo sul tavolo temi come i giovani e i single su cui studiare nuovi format on demand o addirittura canali web”. “Broadcaster esteri ci hanno manifestato grande interesse su questa serie e questo ci ha convinti a pensare a una puntata speciale in prime time a ridosso del Natale”.

“La collocazione nella fascia dell’access prime time serve per allineare tutti programmi della prima serata. Rai2, con il Tg2 che termina alle 21 spaccate, si è adeguata a questa logica proponendo una sorta di anteprima del programma di prima serata – ha puntualizzato il direttore di Rai2 Angelo Teodoli -. Rai 2 vuole essere innovativa con la scelta di linguaggi freschi e da giugno presidia l’access prime time con la serie canadese Lol che si attesta al 6-6,5%, guadagnando un paio di punti sulla media. Ad agosto partirà Ombrelloni, una sketch serie ambientata in spiaggia che accompagnerà il pubblico fino alla partenza di Una mamma imperfetta, sulla quale c’è molto interesse da parte degli spender, tra cui Ferrero, per sponsorizzazioni e pop up”.

 

Luigi Gubitosi: “Il mercato in via di stabilizzazione, luglio 2013 in debole rialzo. Struttura ad hoc per sostenere l’Expo 2015”

“La raccolta pubblicitaria del mese di luglio sta andando leggermente meglio del pari mese 2012, segnale che il mercato si sta stabilizzando”, ha spiegato a margine della presentazione di Una mamma imperfetta il direttore generale Rai Luigi Gubitosi, che non si è però sbilanciato sulle previsioni di fine anno, ma ha rilasciato altri commenti. “Tutti abbiamo concordato che Miss Italia fosse un format desueto e stiamo valutandone di nuovi. La ‘mamma imperfetta’ è una donna molto vicina alla realtà e risponde alla missione trasparenza partita un anno fa. L’accordo con Google si sta discutendo, mentre i dati Auditel di giugno risentono del fatto che l’anno scorso ci sono stati gli Europei di calcio, ma da inizio anno abbiamo comunque fatto il 40% di media”, ha aggiunto.

Sul pensionamento annunciato da Carlo Freccero, il dg ha commentato: “Lui è genio della tv e speriamo che continui a illuminarci: contiamo di usare le sue competenze per attività di tipo autorale. Non ci sarà un canale dedicato all’Expo 2015, pensiamo a un team di persone che producano programmi sulla manifestazione da mettere in palinsesto su tutti i canali. E’ nostra intenzione diffondere informazioni sia in Italia che all’estero”.

 

Valeria Zonca