Carosello torna a settembre. La raccolta adv supera i 9 milioni

16 luglio 2013

Conclusa la prima stagione. Piscopo: “Il format multimediale e interattivo su diverse piattaforme ha fatto bene all’adv e alla Rai”

 

“Carosello Reloaded ha fatto bene al mercato pubblicitario e alla Rai”. Lo ha dichiarato qualche giorno fa Fabrizio Piscopo, direttore generale di Rai Pubblicità, al termine del primo ciclo di on air del format tornato dopo 35 anni, andato in onda tutti i giorni su Rai 1 alle 21,10 e che sabato scorso ha dato l’arrivederci al 16 settembre. “L’esperienza originale di Carosello è stata unica e irripetibile – ha proseguito Piscopo – oggi, invece, è necessaria una nuova e più evoluta forma di proposta commerciale e di linguaggio in grado di intersecare l’advertising e l’entertainment”.

La proposta del nuovo format è nata per ‘smuovere’ il comparto dell’adv, in ginocchio per via della crisi economica e creativa. La nuova edizione di Carosello è partita lo scorso 6 maggio: il primo giorno oltre 12 milioni di telespettatori hanno seguito il ritorno in video di personaggi che hanno fatto la storia della pubblicità in Italia come Jo Condor della Ferrero o il cane a sei zampe dell’Eni. Carosello è piaciuto anche a un pubblico più giovane. Dal punto di vista economico è stato ottenuto un significativo risultato nella raccolta con oltre 9 milioni di euro. Sono 17 infatti i brand, tra cui Wind, Conad, Ferrero, Eni, Lete, UniCredit, Dash, Sky, Chateaux d’Ax, che hanno creduto alla proposta di Rai Pubblicità e sono numerosi i contatti in corso per la prossima ripresa autunnale. Dopo oltre due mesi, questi sono i numeri più rilevanti: oltre 6 i milioni di telespettatori hanno visto mediamente Carosello per almeno 1 minuto e Carosello è in testa alle classifiche dei break più seguiti in televisione.

Durante la trasmissione, gli ascolti sono costanti: oltre l’84% dei telespettatori hanno seguito per intero i 3 minuti di pubblicità e, tra questi, oltre il 60% è composta da responsabili di acquisto. “Carosello – prosegue Piscopo – ha riscosso successo anche perché non ha proposto alle aziende solo la televisione tradizionale, ma anche un format multimediale e interattivo articolato su diverse piattaforme: oltre 500 sale cinematografiche, tutto il mondo web della Rai con oltre 10 milioni di contatti giornalieri, la grande ricchezza dell’ascolto radiofonico e la possibilità di interagire con tutti gli smartphone e i tablet”.

Sui device mobili, grazie all’applicazione Second Screen, i telespettatori potranno usufruire di ulteriori informazioni e agevolazioni proposte dagli inserzionisti. Infine, conclude Piscopo: “La proposta di Carosello è parte di un più vasto progetto di Rai Pubblicità che prevede una nuova strategia di rapporto con gli inserzionisti: gli assi centrali sono una proposta verticale che interessa tutti i canali Rai e una proposta orizzontale che riguarda tutte le piattaforme (tv, radio, web e cinema). Inoltre, abbiamo definito nuovi format e iniziative speciali che arricchiranno ulteriormente l’offerta commerciale”, ha concluso Piscopo.