UPA punta ancora su giovani e formazione

9 luglio 2013

Si è concluso in questi giorni , con la consegna dei diplomi, il Corso di Alta Formazione UPAComunicare l’azienda nell’era digitale’.  24 giovani di talento, laureati con un brillante percorso di studi , sono oggi pronti a confrontarsi con un mercato che impone nuove tecniche di marketing e di comunicazione in grado di rispondere alle attuali dinamiche dei consumi e alla fruizione multimediale. La formazione è indispensabile per il futuro e UPA ha sempre avuto grande attenzione per la formazione dei giovani .

Il Comitato UPA Formazione, a cui aderiscono importanti aziende quali Assicurazioni Generali, Eni, Ferrero, Intesa SanPaolo, Lavazza, e protagonisti di primissimo piano del mondo della comunicazione come Auditel, Clear Channel, IGP Decaux, Nielsen, OPQ, Piemme, Publitalia, RCS , Mondadori, Rai Pubblicità, RTL 102,5 si pone da oltre vent’anni l’obiettivo di fornire le conoscenze e gli strumenti utili per sviluppare le competenze , le esperienze e le capacità dei professionisti della comunicazione e di facilitare l’incontro di giovani laureati di talento con il mondo del lavoro.  Oggi più che mai , come ha ricordato il presidente Lorenzo Sassoli de Bianchi (nella foto) in occasione dell’Assemblea annuale dell’UPA “la pubblicità resta un lavoro per specialisti: gli esperti del racconto breve e del significato lungo, i pianificatori di relazioni sociali, i responsabili del prodotto come architetti di valori, i generatori di passaparola, i disegnatori di nuovi spazi commerciali. Per adeguare queste professionalità ai tempi dobbiamo ripensare l’impalcatura formativa, preparare i futuri decoratori di mucche viola, coloro che valorizzano le differenze.”

Quest’anno UPA ha voluto investire ulteriormente sui giovani e ha lanciato a Milano un Corso di Alta Formazione gratuito . Unica condizione nella selezione: scegliere i partecipanti in base al potenziale.   Il corso è stato tenuto dai maggiori esperti di marketing e comunicazione digitale , docenti universitari e protagonisti riconosciuti del mondo delle imprese: a lezioni frontali sui grandi temi della comunicazione d’impresa, sui nuovi strumenti mediali e le nuove figure professionali, si sono affiancate attività pratiche di pianificazione strategica e realizzazione per fornire gli strumenti e le competenze necessarie per comprendere, progettare e sviluppare la comunicazione aziendale nell’era digitale.

Dopo una prima parte di scenario relativa ai processi di cambiamento comunicazionale e culturale in atto (sapere critico), il corso ha offerto le conoscenze settoriali di base per affrontare con la necessaria consapevolezza e competenza le situazioni professionali e operative delle realtà aziendali. Un project work conclusivo svolto su casi reali o su progetti di start up, ha consentito ai partecipanti di mettere alla prova e rafforzare le competenze operative effettivamente acquisite.  Tra questi progetti il premio alla ‘Miglior strategia di comunicazione digitale’ è andato al progetto ‘Nespresso, what else?’ presentato da Eleonora Calfus, Laura Comunello, Annalisa Hyeraci, Chiara Marchetti e Alessandra Veratti. La menzione speciale per il progetto più innovativo è andata a ‘CrowdWOW, Sustainable design’, presentata da Nicolò Bazza, Simone Fogli, Silvia Gabrieli e Alessandra Scomparin. UPA sta già lavorando all’organizzazione della seconda edizione del corso.