DataXu sull’onda ‘rivoluzionaria’ del marketing programmatico

4 luglio 2013

Sacha Berlik, general manager Eu: “Segnali incoraggianti dall’Italia in cui operiamo dal 2010”

 

“La rivoluzione del marketing programmatico è solo l’inizio”. Con queste parole Sacha Berlik (nella foto), general manager Europa di DataXu ‘battezza’ la partecipazione allo Iab Forum in veste di sponsor. Proprio in momento di difficile congiuntura economica, tema cruciale per un digital advertising innovativo è il circolo virtuoso che si stabilisce tra Real Time Bidding e Big data. “Quest’ultimi sono il principale motivo per cui i computer sono stati inventati mezzo secolo fa – spiega -. Il Real Time Bidding era l’anello mancante per fare analisi avanzate in grado di utilizzare i dati digitali in tempo reale”. Ciò detto la sfida rimane aperta. “Le aziende devono saper utilizzare i dati nel modo giusto, imparando a padroneggiarli. Chi non sarà i grado di attrezzarsi per questo cambiamento rimarrà indietro ed il divario non potrà fare altro che allargarsi dato che i budget continuano a migrare verso il settore digitale”.
DataXu opera con oltre 700 marchi in tutto il mondo e dal 2010 ha aperto degli uffici anche a Milano. Buoni, secondo il manager, i segnali provenienti dall’Italia: “La nostra attività continua a crescere costantemente. Tra la fine del 2012 e l’inizio del 2013 abbiamo potuto constatare un maggiore interesse per la nostra offerta multicanale, non solo display, ma soprattutto mobile, video e Facebook Exchange. Ci aspettiamo che la rapida crescita del marketing programmatico continui, il che significa che i clienti utilizzeranno dati e analytics per fornire al consumatore un’esperienza ottimale, misurare ogni interazione e adattare l’offerta di prodotti e i messaggi pubblicitari per ogni singola persona in tempo reale”.
I brand con cui DataXu lavora spaziano dall’automotive al finance, dai beni di largo consumo alle telecomunicazioni, dal travel al retail, per citarne alcuni. “Tutti in Italia sembrano molto interessati a saperne di più sul futuro del marketing digitale e il nostro ruolo è quello di aiutare la gente a capire come la pubblicità in tempo reale, i dati e la scienza applicata a entrambi possono giocare un nuovo ruolo nel marketing”. Berlik conclude con un esempio, “si potrebbe utilizzare il marketing digitale come ricerca di mercato per ottenere insight sui clienti e utilizzarli per un marketing digitale più efficace sia in termini di performance che di campagne di branding”.

 

Paola Maruzzi