Comuni-Chiamo vince la prima edizione della Social App Italia

3 luglio 2013

Il progetto mette in comunicazione cittadini e Amministrazioni comunali

 

La startup bolognese Comuni-Chiamo si aggiudica la prima edizione della Social App Italia, competition ideata dall’associazione Italian Business & Investment Initiative Youth dell’Università Bocconi, nata per premiare la migliore idea mobile ad elevato impatto sociale. Il progetto è stato selezionato tra 177 partecipanti da un comitato di valutazione indipendente composto da professori, venture capitalist, giornalisti, manager ed esperti. In palio tutto il supporto necessario per migliorare ulteriormente le app di Comuni-Chiamo, una consulenza manageriale avanzata e una borsa di studio per la Startup School di Mind the Bridge a San Francisco. Dietro le quinte della giovane impresa c’è un team di quattro studenti dell’Università di Bologna che hanno pensato di innovare la gestione della Pubblica Amministrazione e il suo rapporto con i cittadini. La piattaforma consente, infatti, di segnalare in tempo reale al Comune le problematiche che riscontrano nella vita di tutti i giorni, richiedere l’intervento ed essere costantemente informati sullo stato della propria richiesta. Ad oggi Comuni-chiamo è presente in oltre 21 Comuni, da Trieste a Bagheria (Palermo), da Cornate d’Adda a Seborga (Imperia). Incoraggianti i primi dati statistici: utilizzano l’app oltre 320 persone all’interno delle Amministrazioni comunali che hanno già risolto oltre 2.900 problemi. In futuro la startup conta di incrementare la piattaforma con nuovi servizi. “Facciamo fatica ad immaginarci un’Amministrazione che rimanga indifferente – spiegano i fondatori -. La nostra, prima di una idea imprenditoriale, è una richiesta di buona amministrazione. Siamo cittadini, e abbiamo creato Comuni-Chiamo perché volevamo fare la nostra parte. Ora tocca alle Amministrazioni fare la loro”.