QVC inaugura a luglio il polo logistico di Piacenza e studia acquisizioni ‘digitali’

28 giugno 2013

Il canale a ottobre raggiunge il terzo anno di attività in Italia

Con più di 15 mila prodotti e 450 marchi offerti e 17 ore di diretta al giorno 7 giorni su 7, QVC Italia, canale di shopping televisivo di proprietà di Liberty Media Corporation, si accinge a chiudere il terzo anno di attività, inaugurando a luglio il nuovo polo logistico di Piacenza. Un magazzino sofisticato di 20 mila metri quadrati, nel quale verranno inizialmente impiegate un centinaio di persone e che spostando l’attività oggi appoggiata in Germania “permetterà flessibilità nella gestione delle richieste dei clienti così come nel rapporto con i partner commerciali, consentendo anche di puntare a un’ottimizzazione dei tempi di consegna”, spiega Steve Hofmann, ceo QVC Europe e QVC Italy. Una spesa importante quello sul polo, che ha spostato in avanti l’obiettivo di break even, previsto ora entro il 2014. Lanciata nell’ottobre 2010, con un investimento di 65 milioni di euro, nel 2012 QVC Italia ha registrato un fatturato di 87 milioni di dollari, + 149% sul 2011. “Oggi presenta circa 11 nuovi marchi al mese e più di 110 nuovi prodotti ogni settimana – prosegue il ceo – e questi numeri continueranno a crescere”. Al momento, i marchi disponibili sono per il 47% provenienti da aziende italiane: una vetrina importante “per le piccole e medie aziende – aggiunge Chiara Pariani, marketing & E-commerce director – a cui si vuole offrire l’opportunità di un nuovo canale di sviluppo per il loro business. E nel 2012 il numero di marchi italiani presentati è aumentato di oltre il 10%”. I clienti del canale Italia sono per l’86% donne e nel 2012 la spesa per cliente in Italia è stata di 1.068 dollari. QVC è sul Digitale Terrestre e tivùsat e su Sky; visibile in streaming su www.qvc.it e sulla pagina ufficiale di FB (con 86 mila fan). Intrattenimento, live show e special guest contraddistinguono il format del canale in cui 16 presenter italiani si alternano, senza escludere nuove operazioni come il cross-over con The Apprentice del 2012. Sul fronte comunicazione, per il 2013 verranno privilegiati eventi sul territorio e operazioni di co-marketing; mentre da gennaio 2012, infine, è attivo il servizio e-commerce, da cui deriva il 10% dei ricavi. E proprio sul fronte digitale, il canale punta a crescere con possibili acquisizioni di piattaforme di contenuti editoriali sinergici alla proposta di QVC.

Monica Bozzellini