Linkedin, creatività e contenuto: le social currency per conquistare i consumatori

20 giugno 2013

Content marketing e creatività si dimostrano sempre più legati tra loro. Lo dimostra il  seminar ‘The next big challenge: Creativity in social media’, organizzato da Linkedin. La tavola rotonda, moderata da Stacy Martinet, Chief Marketing Officer di Mashable , ha avuto come protagonisti Jeff Weiner, ceo di Linkedin, Bob Lord, Global ceo di Razorfish  e Vanessa Colella, Head Global Venturing di Citi Group.

“Negli ultimi anni è cambiata molto la percezione di Linkedin da parte degli utenti – ha esordito Weiner -.  Tutto ciò è successo grazie agli oltre 300.000 lettori-influencer di tutto il mondo che ogni mese pubblicano e creano contenuti. E’ per questo che stiamo continuando a investire nella nostra piattaforma editoriale e nel content marketing”. Negli ultimi anni i social media hanno creato l’audience globale più grande della storia e sono proprio Linkedin, Facebook e Twitter ad aver conquistato più di un miliardo di utenti di ogni Paese. Questo fenomeno ha portato alla nascita di un nuovo modello di creatività dove le grandi idee, lo storytelling, le relazioni e le conversazioni  si trovano a sistema. Di storytelling ha parlato Colella di Citi Group, multinazionale di servizi finanziari. “Abbiamo scoperto un nuovo modo di raccontare storie. Non sono nostre le storie che raccontiamo. Sono quelle delle persone  che si connettono a noi. Sono loro stessi a crearle e questo garantisce ai contenuti credibilità e autenticità”.

La tecnologia dei social media ha permesso alle persone di pensare in modo innovativo. Costruendo una presenza forte su Linkedin, grazie al focus sul content marketing, Citi è riuscire a creare un legame con i suoi ‘consumatori’. Il loro bisogno di consigli e mentoring per intraprendere una carriera finanziaria ha generato conversazioni proprio sulla nota piattaforma social professionale. “Noi ascoltiamo i consumatori  ha sottolineato Colella – e loro recepiscono questo come un atteggiamento di grande rispetto nei loro confronti. E’ anche grazie alla partnership con Linkedin che la percezione di Citi è cresciuta in maniera esponenziale negli ultimi tempi”. Il comportamento dei consumatori sta cambiando e quello che chiedono è  interazione. “Le nuove generazioni non conoscono la differenza tra creatività e tecnologia. Per loro è un tutt’uno” ha detto Bob Lord di Razorfish. L’obiettivo dei brand è dare ai consumatori ispirazione e valore attraverso la creatività, che è già diventata nuova moneta di scambio. “Avremo sempre più bisogno di competenze creative – ha concluso Colella -.  Servono talenti che vadano oltre le storie e siano in grado di creare l’ispirazione e  il valore reale di cui gli utenti hanno bisogno”.

Eugenia Morato