RCS tratta per i periodici e da settembre raccoglie per Monrif

19 giugno 2013

Ieri il cda

 

Via libera del Cda di Rcs MediaGroup alla cessione delle testate periodiche “non-core” in chiusura il 30 giugno. Il Consiglio di amministrazione riunito ieri, infatti, dopo avere analizzato “le offerte definitive pervenute per singoli rami di azienda o raggruppamenti di rami di azienda” ha deciso di procedere “a stretto giro alla scelta dell’acquirente, dando mandato all’Amministratore Delegato di finalizzare l’operazione”. A favore della vendita si sarebbero espressi 5 dei 9 consiglieri, con i restanti 4 favorevoli alla cessazione delle pubblicazioni. In pole per l’acquisto ci sarebbe Alfredo Bernardini De Pace con PRS, con cui Pietro  Scott Jovane starebbe trattando per ottenere condizioni migliorative. Sul tavolo, resta anche la proposta della Visibilia di Daniela Santanché, che come segnalano fonti di stampa quotidiana, sarebbe pronta a cedere il 25% delle azioni ai dipendenti che dovessero passare nella nuova società.

A seguito del Cda, Rcs ha inoltre annunciato insieme a Poligrafici Editoriale che dal primo settembre 2013, Rcs Pubblicità gestirà in esclusiva la raccolta pubblicitaria nazionale su stampa per i quotidiani editi da Poligrafici Editoriale (QN, Il Giorno, Il Resto del Carlino e La Nazione), nel  2012 pari a quasi 28 milioni di euro.  In base all’accordo, attivo fino al 31 dicembre 2015, la rete commerciale della concessionaria guidata da Raimondo Zanaboni potrà consolidare la raccolta pubblicitaria sia delle testate italiane del Gruppo Rcs, sia dei quotidiani di Poligrafici Editoriale. “L’offerta di Poligrafici Editoriale – sottolinea la nota congiunta – presenta un’elevata complementarietà di target e di copertura territoriale rispetto al portafoglio di testate di Rcs MediaGroup, rendendo questo accordo strategico per entrambi i gruppi editoriali.  Il nuovo network pubblicitario, costituito dall’unione tra i quotidiani gestiti dal Gruppo Rcs (Corriere della Sera, La Gazzetta dello Sport e L’Unione Sarda) e quelli di Poligrafici Editoriale, si posizionerà quindi come leader nel mercato dei quotidiani in termini di contatti netti generati sia sul target adulti (8.366.000) sia sul target uomini (5.818.000, fonte Audipress 2013/I). Sul fronte diffusionale le copie complessive dei quotidiani che comporranno il network della concessionaria pubblicitaria di Rcs supereranno il milione  (1.069.790 copie, fonte Ads, aprile 2013)”. Questo accordo “rappresenta una ripartenza nel difficile ma affascinante mondo della comunicazione, in cui il valore finale è maggiore del valore delle singole parti. – ha commentato Andrea Riffeser Monti,  vicepresidente e ad di Poligrafici Editoriale -. Un accordo storico per la Spe, Società Pubblicità Editoriale SpA, società controllata al 100% dalla Poligrafici Editoriale, che potrà, a partire da oggi, concentrarsi nello sviluppo multimediale nelle zone dove esercita una  leadership assoluta: 25 aree leader dove si produce oltre il 40% del PIL italiano. Dalla metà di settembre il Gruppo potrà quindi dedicarsi allo sviluppo di nuovi settimanali a diffusione regionale e locale, che dedicheranno una preponderante attenzione al settore economia”. Eventuali futuri sviluppi della partnership potranno  riguardare anche l’offerta online, mentre per quanto attiene alla raccolta pubblicitaria locale per le testate del Gruppo Monrif, è previsto che rimanga sotto il diretto controllo della rete commerciale locale di Poligrafici Editoriale. Con l’occasione il gruppo annuncia l’ingresso di una nuova figura professionale, Alberto Bovo, che assumerà la carica di direttore generale della Spe.