GfK Eurisko, strumenti per creare innovazione in azienda

14 giugno 2013

Giuseppe Minoia: “Il cambiamento va affrontato con rigore e metodo scientifico”

Si è svolto ieri a Milano un seminario di GfK Eurisko, che contiene nel titolo una domanda pleonastica: ‘Innovare è indispensabile?’. Si parla molto di innovazione negli ultimi tempi, ma, di per sé, essa non è né positiva né negativa: ciò che fa la differenza è come la si affronta e come la si valuta. In Italia c’è poca propensione a investire; secondo una relazione di Bankitalia 2013 c’è un basso tasso di spesa in R&S da parte del sistema settore privato: lo 0,7% rispetto all’1,2 della media Ue e dell’1,9% della Germania.

Eppure, non è mai stata così attiva la richiesta di innovazione che arriva dal basso. La crisi, oltre a esasperare la competitività, ha anche modificato il modo di consumare e anche quando passerà non si tornerà indietro. Il modello di consumo si indirizza verso diminuzione, controllo, downsizing ed ecco che la richiesta è quella di un’innovazione in levare tornando a prodotti più basic o legati a eventi effimeri, come le limited edition o gli eventi temporanei. Ma spesso anche chi vuole innovare si trova di fronte a dei dilemmi su come o dove investire, su quale modello organizzativo indirizzarsi o che tipo di ricerca avviare? “Questo primo appuntamento è il nostro contributo alle aziende per costruire un’innovazione efficace – ha commentato Giuseppe Minoia (nella foto) presidente onorario di GfK Eurisko -. Le imprese devono pensare all’innovazione come modo di intrecciare informazioni ed esperienze, per intercettare un individuo sempre più multitasking. Noi offriamo strumenti validi in grado di intercettare il nuovo. L’innovazione è un percorso che va affrontato con rigore e metodo scientifico”.

La suite di strumenti MOI-Market Opportunities & Innovation lavora a 360°: con strumenti come Discovery720, FuturePath e Future Scape è possibile pensare l’innovazione distillando lo scenario, evidenziando valori e bisogni da presidiare; con SmartCreative, FutureMAX e SocioLog è possibile misurare il risultato, definire i dettagli, il timing e prevedere l’impatto. “Occorrono strumenti nuovi per entrare in circolo, cogliere il nuovo in materia non invasiva. Diventano fondamentali gli strumenti per dominare la psicologia, la sociologia e l’antropologia degli individui ‘single source’”, ha concluso Minoia.

 

Valeria Zonca