La nuova Domus diretta da Di Battista

7 giugno 2013

Da settembre 2013 la direzione di Domus passa dalle mani di Joseph Grima – che ha concluso il triennio del suo mandato – all’architetto Nicola Di Battista, noto progettista e uno dei più profondi conoscitori dell’architettura contemporanea, già vicedirettore della stessa rivista negli anni Novanta. La nuova Domus diretta da Di Battista intende riportare al centro dell’attenzione il lettore, accentuando quella missione della rivista tutta tesa a contribuire ad ampliare conoscenze e orizzonti culturali necessari per la professione dell’architetto. A questo scopo, oltre a un rinnovamento dei contenuti e della grafica, Di Battista inaugurerà un innovativo concetto di direzione, dotando la rivista di due nuove strutture redazionali: un collegio di Maestri, formato da alcuni tra i più importanti e riconosciuti protagonisti dell’architettura contemporanea: David Chipperfield, Kenneth Frampton, Hans Kollhoff, Werner Oechslin e Eduardo Souto de Moura; e un Centro Studi, composto da un gruppo di giovani professionisti, selezionati per la loro capacità di portare uno sguardo innovativo sull’architettura contemporanea.

“La scelta precisa di un collegio di Maestri, con la loro presenza, le loro opinioni, il loro incitamento, ma anche il loro monito – afferma Di Battista – viene anche dalla convinzione che si debba ricreare tra i Maestri e i giovani quel particolare rapporto di simpatia e complicità capace di fare avanzare la disciplina nel mondo. In questo modo, la rivista vuole riempire una lacuna evidente nel panorama della pubblicistica di architettura, con una pubblicazione di alto livello, garantita dall’alto profilo dei Maestri, a cui sarà chiesto di essere protagonisti della rivista stessa, discutendone e fissandone con loro le linee strategiche e culturali”.