Successo per il primo Brand Storytelling Forum

22 aprile 2013

Teoria e pratica allo Iulm per una narrazione d’impresa vincente

Lo storytelling, come ha ricordato il direttore dell’Executive Master in RP d’Impresa dell’Università Iulm Emanuele Invernizzi in apertura del primo Brand Storytelling Forum, permette di “narrare e comunicare storie ma soprattutto è uno stimolo alla costruzione delle storie stesse: un luogo virtuale che può essere utilizzato anche all’interno di processi formativi”.
Più di 200 i professionisti che hanno partecipato al primo evento dedicato alla narrazione d’impresa che è stato costruito alternando teoria e pratica. Ad aprire i lavori insieme al professor Invernizzi anche Andrea Fontana – Presidente Osservatorio Corporate Storytelling dell’Università di Pavia che ha preferito usare la lavagna luminosa, schivando proiettori e power point. Un oggetto del tempo che fu per sottolineare le caratteristiche fondamentali dello storytelling, ‘ago’ che permette, se usato nella maniera corretta, di costruire mondi di significato tenendo in giusta considerazione il ruolo dei ‘lettori’. Le aziende devono evitare sterili auto-celebrazioni e porsi in una dimensione di ascolto, ‘leggendo’ i propri lettori: “Le storie dei brand oggi ingaggiano sempre meno perché la storia che diventa importante è la propria, quindi si utilizza lo storytelling per ottenere come risultato un forte coinvolgimento, un immaginario ricco, alta qualità dei contenuti e grande diffusione di tools”.
Una storia che funziona è quella capace di valicare i confini in cui è nata, come è capitato con Moccia e i suoi 3 metri sopra il cielo che hanno generato la moda dei lucchetti sui ponti d’Italia. Moccia è riuscito a diventare portavoce degli adolescenti degli anni Novanta con successo.

Today Pubblicità Italia ha chiesto al professore Fontana di citare un esempio d’eccellenza dello storytelling e il professore, oltre a citare durante il suo intervento, tutto il buzz generato dal 21 dicembre 2012 e dalla presunta fine del mondo ha voluto ricordare la campagna della 3M che ha realizzato un vero e proprio hub per condividere storie e raccontare chi usa quotidianamente i prodotti del colosso statunitense.
A conclusione del Forum sono stati premiati i vincitori della prima edizione del Brand Storytelling Awards. Ad aggiudicarsi il primo premio per la categoria Product Branding è stata l’azienda vinicola Marchesi De Frescobaldi con la campagna firmata da Leo Burnett che ne sottolineava storia e tradizione. Telecom Italia ha vinto nella categoria Corporate Branding con uno dei primi esperimenti italiani di social advertising in Italia, uno spot scritto dalla rete per la rete. L’award per l’ Employer Branding è stato assegnato a Luxottica per la la piattaforma Luxotticastorytelling.com.

 

Antonino Pintacuda