Sajeva (Mondadori Pubblicità): “Nel primo bimestre periodici a -14%, molto meglio del mercato”

9 aprile 2013

Presentata ieri la mostra ‘Hybrid Architecture & Design’, organizzata dal mensile Interni

“Il Fuorisalone è l’evento socioculturale più internazionale della città di Milano. Il design, con la moda, rappresenta un’eccellenza italiana che nessuno nel mondo osa mettere in discussione. Noi come editore abbiamo due riviste, fra le poche del nostro Paese, che hanno un forte spirito e soprattutto una credibilità internazionale, Interni e Grazia, testate che contribuiscono alla diffusione del ‘saper fare’ italiano fuori dai nostri confini”: con queste parole Ernesto Mauri, ad di Mondadori, ha introdotto ieri nel capoluogo lombardo   ‘Hybrid Architecture & Design’. Si tratta della grande mostra evento  ideata da Interni, patrocinata dal Comune di Milano e da Expo2015, e co-prodotta dalla Fondazione BE OPEN e iGuzzini, che si svolgerà nei Cortili dell’Università degli Studi di Milano, fino al 21 aprile, in occasione della settimana milanese del design.

“Come confermano i dati Nielsen – ha sottolineato Angelo Sajeva (nella foto), ad e presidente di Mondadori Pubblicità – il settore del design soffre. In un contesto di questo tipo non ci si può più permettere un sovraffollamento dell’offerta. Noi abbiamo in casa l’eccellenza a livello editoriale e la razionalizzazione che abbiamo messo in atto, con la chiusura di alcune testate, è stata compresa dal mercato.

Il numero doppio di gennaio/febbraio di Interni ha fatto registrare un incremento del 10% della raccolta. Grazia Casa, completamente rinnovato e ora mensile autonomo, in un momento difficile come quello attuale si presenta in edicola con una foliazione di 326 pagine, di cui 138 di pubblicità”. Sulla stessa lunghezza d’onda Carlo Mandelli, direttore generale Periodici Italia di Mondadori: “Il sistema del design si completa con CasaFacile e Casabella. Abbiamo operato una razionalizzazione coraggiosa, mantenendo una posizione di leadership nel settore con il 45% del mercato”.

Il design è stato solo il primo settore toccato dalla riorganizzazione. “Adesso – ha aggiunto Mandelli – stiamo sviluppando una strategia molto aggressiva con il nostro sistema cucina che ci vede protagonisti con una quota di mercato vicina al 50%. Anche qui l’idea è quella di fare sempre più sistema: non più solo testate cartacee, ma anche web e tv. Subito dopo, da qui all’estate, lavoraremo per rinnovare l’offerta femminile”.

Per la fine dell’anno è prematuro fare stime, ma pare che la ‘cura’ messa in atto da Mondadori stia portando dei frutti. “Difficile dare dei numeri – ha confermato Sajeva -, anche se credo che l’anno si chiuderà con un calo a due cifre. Detto questo però non mancano segnali positiv: da Interni, dal sistema cucina che nel primo bimestre ha avuto il segno più, ma anche da Tv Sorrisi e Canzoni. Buoni andamenti che ci consentono di chiudere i primi due mesi dell’anno con un – 14%, a fronte della media del settore periodici che a valore perde il 22,5%. Un risultato nettamente migliore del mercato che speriamo di confermare a fine 2013”.

Andrea Crocioni