Mediaset, raccolta a -16%. Nel 1° trimestre 2013 perdita a -14,5%

27 marzo 2013

Approvato il bilancio al 31 dicembre 2012.  La flessione del 1° trimestre è inferiore al mercato (16,1%). Soffre anche la Spagna. Piano triennale (2012-2013-2014) di risparmi per complessivi 450 milioni di euro. Tengono gli ascolti

 

Il Cda di Mediaset, riunitosi ieri sotto la presidenza di Fedele Confalonieri, ha approvato il progetto di bilancio di esercizio di Mediaset e ha esaminato il bilancio consolidato del Gruppo Mediaset al 31 dicembre 2012. I ricavi netti consolidati del gruppo ammontano a 3.720,7 milioni di euro rispetto ai 4.250,2 milioni del 2011 (calo di 529,5 milioni). L’Ebit evidenzia una perdita di 235,4 milioni di euro rispetto ai 538,7 milioni di euro del 2011. Il risultato netto di gruppo ammonta a -287,1 milioni di euro a fronte dell’utile di 225,0 milioni di euro dell’anno precedente. L’indebitamento finanziario netto di gruppo per effetto delle efficaci azioni di contenimento della spesa si è ridotto passando dai 1.890,7 milioni di euro dell’1 gennaio 2012 ai 1.712,8 milioni di euro del 31 dicembre 2012. In Italia i ricavi netti consolidati sono stati pari a 2.834,9 milioni di euro rispetto ai 3.241,6 milioni del 2011. Il prolungarsi della fase recessiva ha determinato una forte contrazione degli investimenti. In questo contesto la raccolta pubblicitaria complessiva di Publitalia ’80 e Digitalia ’08 si è attestata a 2.327,2 milioni di euro, registrando una flessione del 16%, in linea rispetto all’andamento del mercato pubblicitario televisivo.

I ricavi di Mediaset Premium derivanti da abbonamenti e carte prepagate si attestano a 518,0 milioni di euro, in linea rispetto al 2011. I risparmi ottenuti nelle attività televisive hanno raggiunto i 307,2 milioni di euro e hanno superato alla fine dell’esercizio 2012 l’obiettivo di efficienza di 250,0 milioni di euro previsto all’interno del piano triennale (2012-2013-2014) di risparmi per complessivi 450 milioni di euro. L’Ebit è stato pari a -284,0 milioni di euro rispetto ai 374,2 milioni del 2011. “Nel panorama televisivo sempre più competitivo, le reti Mediaset mantengono salda la loro leadership sul target commerciale in tutte le fasce orarie: 37,8% in prima serata, 36,7% nelle 24 ore – spiega l’azienda nel comunicato stampa diffuso ieri -. Canale 5 è la rete italiana più vista nel target commerciale sia in prima serata (18,1%) sia nelle 24 ore (16,7%)”.

In Spagna, i ricavi netti consolidati generati dal Gruppo Mediaset España hanno raggiunto gli 886,7 milioni di euro rispetto ai 1.009,3 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente (-12,1%). I ricavi pubblicitari televisivi lordi si sono attestati a 857,3 milioni di euro rispetto ai 1.006,3 milioni dell’esercizio 2011. Nel 2012 le reti televisive del Gruppo Mediaset España ottengono la leadership sia in prime time (27,4%) che nelle 24 ore (28,1%). Telecinco si conferma la rete spagnola più vista nel totale giornata (13,9%).

La capogruppo Mediaset chiude l’esercizio 2012 con un utile netto di 198,8 milioni di euro rispetto ai 156,3 milioni di euro del 2011.  “Nei primi mesi del 2013 la raccolta pubblicitaria sta registrando una flessione, rispetto allo stesso periodo 2012, in linea con l’ultimo trimestre dello scorso anno – spiega la nota dell’azienda -. Obiettivo primario del gruppo è di consolidare le proprie quote in Italia e in Spagna. Tale obiettivo è confermato dai primi dati relativi al mese di gennaio 2013 pubblicati da Nielsen che vedono in Italia il mercato tv in calo del 16,1% rispetto al gennaio 2012, mentre Mediaset segna una flessione del 14,5%”.