Il Carosello riparte a metà aprile. Piscopo: “Un’operazione pro mercato”

22 marzo 2013

Il dg di Sipra, presto Rai Pubblicità: “Pianificazione minima di una settimana per raccontare mini-storie sui brand e riaccendere i fari sull’adv”. In attesa di Intervallo 2.0, Sipra Lab propone il format ‘Annunciami tu’

 

Dato il prolungamento della fase di test progettuale, la data di marzo precedentemente annunciata, subirà uno slittamento. Bisogna quindi attendere, almeno, il mese prossimo per rivedere sugli schermi di Rai Uno il mitico Carosello. Una data probabile potrebbe essere metà aprile. E proprio il 15 tornerà con quattro episodi inediti un altro cult dell’ammiraglia Rai, Il Commissario Montalbano, che finora ha sempre regalato share altissime. L’idea presentata lo scorso febbraio all’evento ‘Start-Up – Tutti i colori del cambiamento’ è quella di realizzare all’interno di uno spazio di 210” tre mini-fiction da 70”. E’ chiaro che la sfida non sarà il contenitore ma il contenuto. “Il concetto portante è quello dell’entertainment attraverso storie nelle quali il racconto è il tramite per descrivere i brand – spiega a Pubblicità Italia Fabrizio Piscopo, dg di Sipra (presto Rai Pubblicità come annunciato dal dg Rai e presidente Sipra Luigi Gubitosi) -. Vogliamo dei corti con grande capacità di appealing e prodotti ad hoc per il Carosello, che possono essere realizzati dalle agenzie, dalle aziende o dalla stessa Rai. Per fare questo pensiamo a grandi partnership con i clienti e siamo già in contatto con una ventina di aziende”. Non un break pubblicitario, quindi, ma uno spettacolo nello spettacolo. “Carosello sarà un evento culturale di servizio, che diventerà il più grande e ufficiale contenitore di brand entertainment – prosegue Piscopo -. Il target di riferimento è quello delle famiglie, ma il contenuto interattivo che lo arricchirà potrà coinvolgere i più giovani: faremo un’app, gli spot sul nostro sito e sui social potranno essere scaricati, commentati, votati. Pensiamo anche a un concorso tra giovani creativi per raccogliere il meglio delle idee”. Lo spazio del Carosello non andrà a sostituire la tabellare, ma sarà inserito in un contesto di comunicazione globale con un listino a parte, “che terrà conto del fatto che il cliente dovrà sostenere spese di produzione extra. La pianificazione minima è di una settimana, proprio per dare modo ai brand di costruire delle storie a puntate”, aggiunge il dg Sipra. Il cambiamento, voluto e annunciato dal direttore Giancarlo Leone sul nuovo corso e sulla nuova mission di Rai Uno (‘svecchiare’ la rete) passa quindi anche attraverso il rilancio degli investimenti con il recupero di un mito che richiama tempi migliori. “E’ un’operazione pro mercato per riaccendere i fari sulla pubblicità, a favore anche dei nostri competitor”, commenta Piscopo. E’ prevista invece entro marzo la partenza di Intervallo 2.0. Il riempitivo che in passato serviva a Rai per occupare dei vuoti di programmazione dovuti a problemi tecnici, viene ora proposto come formato pubblicitario. Stesso jingle di sottofondo, ma al posto delle immagini in assolvenza-dissolvenza delle bellezze artistiche e paesaggistiche italiane, la narrazione passerà attraverso le immagini di prodotti da promuovere, con didascalie in sovrimpressione. “Il meccanismo è più semplice rispetto al Carosello. Intervallo 2.0, andrà in onda su tutte le reti Rai con circa 20 passaggi giornalieri, con un formato breve sulle tv generaliste e uno lungo sulle reti tematiche e sul canale cinema. Uno spazio a disposizione di clienti che magari non hanno mai approcciato la tv con degli spot”, conclude Piscopo.

Valeria Zonca

 

Sipra Lab propone il format ‘Annunciami tu’: il testimonial di un’azienda o di un prodotto si fonda con la Rai annunciando i programmi

Sipra Lab, la struttura specializzata nell’elaborazione di nuovi formati pubblicitari attraverso l’armonizzazione dell’offerta multimediale Rai, ha elaborato un nuovo format pubblicitario chiamato Annunciami tu. L’idea prevede che il testimonial di un’azienda o di un prodotto sia il cuore del progetto, che entra ‘viralmente’ in Rai per annunciare, in uno spazio di 30”, i programmi. L’offerta prevede pacchetti settimanali per ogni cliente, tre appuntamenti quotidiani sui tre canali generalisti – di mattina, all’ora di pranzo e a ora di cena – posizionati a inizio o alla fine di un break pubblicitario, per un totale di 45 passaggi a settimana. Esiste già un listino per questa iniziativa sicuramente poco convenzionale. Su Rai Uno per un ‘Annunciami tu’ inserito nel Tg1 Flash tra le 7,55 e le 8,55 il pacchetto settimanale (5 passaggi) è proposto a 39.000 euro lordi; nello spazio Tg1 Meridiana  delle 13,25 a 180.000; la sera alle 20,30 nel contenitore Intrattenimento/Rai Sport il costo è di 430.000. Su Rai Due all’interno di Mattina 2 Ragazzi tra le 7,40 e le 8,05 il costo a settimana è di 22.500 euro; nello spazio Tg2 Meridiana il 30” è proposto a 14.300 euro (settimana 71.500 euro); nello spazio serale Tg2 20,30 è di 185.000 euro. Su Rai Tre gli spazi di ‘Annunciami tu’ sono previsti alle 8,00 in Agorà al costo settimanale di 30.000 euro, nel Tg3 delle 14,20 al costo di 145.000 euro, nello spazio Prima Sera 3 alle 19,55 al costo di 135.000 euro.

Valeria Zonca